• Fashion

"She's like a rainbow": 20 anni di Ferragamo in Asia

La maison Ferragamo apre un flagship-store a Shangai con una mostra dedicata alla storia del brand, legato al mondo del cinema, attraverso l’esposizione di cinque celebri calzature realizzate per note attrici.

 

Sophia Loren, Greta Garbo, Marylin Monroe, Anna Magnani. Sono solo alcune tra le più grandi figure cinematografiche che hanno avuto l'onore di poter indossare scarpe realizzate ad hoc, per ognuna di loro, dal genio Salvatore Ferragamo. Di umili origini, nato nel 1898, Salvatore Ferragamo iniziò la sua carriera in una bottega di calzature e riparazioni a Santa Barbara in California, da cui poi partì per trasferirsi a Hollywood nel 1923. E’ qui che aprì l'Hollywood Boot Shop, frequentato da noti personaggi del mondo dello spettacolo, tant'è che poco dopo iniziò a collaborare con il cinema.

Attenzione per i particolari, ma soprattutto per l'anatomia del piede, furono le sue carte vincenti; è infatti grazie alla scarpa ortopedica con la suola in sughero arcobaleno che raggiunse l'apice del suo successo.

Il noto brand è cresciuto sempre più nel tempo, tanto da avere successo a livello mondiale ed estendersi in Cina; questo nonostante i figli di Salvatore Ferragamo fossero poco fiduciosi ad aprire degli store monomarca in questo paese, poiché credevano di essere distanti dalle esigenze del mercato asiatico. Eppure, il 3 novembre scorso, in occasione dei venti anni del brand in Asia, è stato inaugurato il flagship-store di Ferragamo a Shanghai. "She's Like a Rainbow" è il nome della mostra temporanea, ispirato dal famoso sandalo arcobaleno.

Il tema alla base dell'esposizione è stato il connubio tra il marchio e il cinema, fin dall'inizio importante nella storia della griffe. A catturare la scena sono stati cinque modelli di scarpe disegnate da Salvatore Ferragamo e dedicate a Brigitte Bardot, Sophia Loren, Marilyn Monroe, Audrey Hepburn e Judy Garland, grandi star cinematografiche e fedeli clienti; tutte quante sono state esposte in teche illuminate e caratterizzate da opere pensate appositamente per la mostra dall'artista pop cinese Han Yajuan. Durante l'evento è stata inoltre presentata una capsule collection disegnata per Ferragamo da Edgardo Osorio, fondatore e direttore creativo del brand Aquazzurra, e la prima di un film di animazione, "100 Years 100 Days", con le illustrazioni di moda di Megan Hesse, che ha voluto omaggiare lo stilista per i cento anni tra moda e cinema.

Il successo del marchio è comunque da attribuire anche a Massimiliano Giornetti, nominato direttore creativo nel 2010, che ha fin da subito cercato di mantenersi fedele al marchio, gestito peraltro ancora oggi dalla famiglia Ferragamo. La filosofia dell'operato di Giornetti riprende quella originaria del maestro e consiste nel realizzare prodotti che siano sinonimo di valori forti, qualità, comfort ed estetica. Quello che conta, per il designer toscano, è far sentire assolutamente moderno e a proprio agio chi indossa capi e accessori by Ferragamo, senza fare distinzioni ma basando il tutto su una moda democratica, ovvero adatta ad un pubblico trasversale, che acquista i prodotti della Maison, oltre che per la loro linea, anche per la loro funzione.

Livia Maulucci

SUGGESTED ARTICLES

Inside Markus Lupfer

Inside Markus Lupfer

Markus Lupfer è il brand dell'omonimo designer inglese che all'interno della London Fashion Week ha trovato il suo habitat naturale, tra ironia, surrealismo e quel tocco di pop culture che davvero non guasta mai.

Read more

Writing about luxury

Writing about luxury

Stilografiche e penne a sfera disegnate dai maestri-artigiani dell'alta gioielleria per una virilità colta e attenta ai dettagli.

Read more

MMU P/E 2017: la moda maschile che verrà fa i conti con le difficoltà del presente

MMU P/E 2017: la moda maschile che verrà fa i conti con le difficoltà del presente

La fashion week milanese prova a superare i problemi dei mesi scorsi e ribadire la propria centralità nel panorama del menswear globale. Dai protagonisti annunciati al "low profile" di altre griffe, le proposte in passerella sono più eterogenee che mai.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.