• Art&Lifestyle

Mademoiselle Privé, nel mondo di Coco Chanel

Un invito nel tempo e nello spazio alla scoperta della maison francese.

Mademoiselle Privé è un omaggio.  Una celebrazione della meravigliosa eredità che Gabrielle Chanel ha lasciato a tutti noi, e di come Monsieur Karl Lagerfeld ha saputo ridarle vita dal 1983, fino ad oggi.

La retrospettiva, in mostra alla Saatchi Gallery di Londra dal 13 Ottobre al 1 Novembre, è la prima in assoluto che la maison Francese ha voluto dedicare a due personalità che indubbiamente hanno lasciato un’autorevole impronta negli astri della moda.

Il tema dell’esposizione, intitolata in omaggio al cartello che apriva l’atelier di Coco, è un viaggio, reale e virtuale, nel mondo di Gabrielle Chanel. Dai suoi inizi come modista di cappelli, ai viaggi in Scozia, dove trovò l’iconico Tweed, fino alla sua prima e unica collezione di Haute Joaillerie nel 1932. 

La mostra si apre sull’ingresso dell’appartamento al secondo piano al numero 18 di Place Vendome, ancora oggi sede creativa della Maison francese. Passeggiando per l’appartamento, scopriamo poi le origini dei simboli iconici Chanel. La Camelia, il Rouge, il Tweed, le perle, il nero.

Un capitolo speciale è dedicato all’haute couture, dove una sala dedicata mostra tessuti utilizzati nei celebri Mètiers d’arts, mentre un altro agli ingredienti dell’iconico Chanel numero 5, il primo profumo a portare il nome di uno stilista.

I gioielli disegnati da Mademoiselle Chanel sono appoggiati delicatamente su meravigliosi abiti di Haute couture, disegnati per l’occasione da Lagerfeld e accompagnati da fotografie in cui sono indossati da celebrità internazionali, da Julianne Moore a Kristen Stewart.

L’atmosfera che si respira è di ammirazione, per una donna che ha saputo creare uno stile, più che degli abiti, reso immortale grazie ai suoi molteplici simboli, riconosciuti e apprezzati in tutto il mondo.

Tuttavia, Chanel non sarebbe ciò che è oggi senza l’impronta fondamentale di Lagerfeld, di cui viene celebrato l’estro creativo, l’irriverenza e quell’aura misteriosa che lo rendono molto simile alla fondatrice della maison. Questo sembra suggerire la mostra, e mentre si è trasportati nella prima ed unica collezione di gioielli ad opera di Coco, ci si domanda dove e come verrà mantenuta questa enorme eredità, storica e creativa. Chanel è indubbiamente un brand immortale, ma come farà il successore di Lagerfeld a saper incarnare l’ironia di Coco e la capacità di sapersi reiventare continuamente di Karl?

Il direttore creativo ha recentemente affermato che non ha “nessuna intenzione di ritirarsi”. Nel frattempo, se siete a Londra, non perdete questa meravigliosa esperienza, alla Saatchi Gallery.

Ludovica Lama

SUGGESTED ARTICLES

Hashtag #Beard. Cose da uomini

Hashtag #Beard. Cose da uomini

Sei indirizzi utili tra Roma e Milano per prendersi cura della cosa che dopo la palestra e il calcio amiamo di più, la barba. Tra trattamenti all'americana e massaggi con pietre calde, ma anche qualche sorpresa, prendete carta e penna e appuntate.

Read more

Una guida veloce ai 10 eventi più fashion del 2016

Una guida veloce ai 10 eventi più fashion del 2016

Da Louis Vuitton a Dior, dal mondo delle fate a quello di Oscar de la Renta, LICHT vi suggerisce le imperdibili mostre di moda del 2016.

Read more

Fascino metropolitano e carattere sperimentale: la nuova eleganza porta il nome di Proenza Schouler

Fascino metropolitano e carattere sperimentale: la nuova eleganza porta il nome di Proenza Schouler

Il brand fondato e diretto dai due amici ed ex-compagni di studi alla Parsons School, Jack McCollough e Lazaro Hernandez, è diventato una realtà di riferimento attesissima della fashion week newyorkese.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.