• Art&Lifestyle

We speak fluent Danish

La Danimarca è uno dei maggiori paesi del nord Europa dove si è sviluppato al meglio il settore del fashion, del food e del design. Ricca di innovazioni, sta emergendo sempre più negli ultimi anni e quel che rimane è solamente scoprirla.

Di solito i paesi più nominati e conosciuti per il fashion system e il design sono la Francia, l'Italia, l'Inghilterra, ma da qualche anno a questa parte sta emergendo sempre di più la Danimarca che, con i suoi stilisti e artigiani, sta conquistando tutti coloro che sono alla continua ricerca di qualità ed eleganza. Nella capitale danese Copenaghen, due volte l'anno vengono ospitati per la Fashion Week designer emergenti e nuovi talenti e questo consente di far crescere l'industria del paese, che poi provvede alla promozione degli artisti nel resto del mondo. Copenaghen è molto facile da girare grazie alla sua suddivisione in quartieri caratteristici, dove poter scovare negozi divenuti ormai storici o comunque famosi e altri invece nati da poco con tanta innovazione da scoprire: il bello sta nel fatto che ci si potrebbe ritrovare ad aver acquistato un capo moda firmato da uno stilista del posto, insieme ad un oggetto di design introvabile e quindi del tutto originale.

Si chiama Munthe plus Simonsen il marchio nato nel 1994 dalla creatività di Naja Munthe e Karen Simonsen. L'azienda conta oltre ad un negozio monomarca in una delle principali vie della capitale, anche uno ad Oslo, Aarhus e altri 15 paesi. Il loro stile è retrò ma allo stesso tempo urban, e ciò che ha contribuito a renderlo un nome noto in Danimarca ma non solo, è anche la possibilità di trovare nello store capi di lusso mixati a capi e accessori con prezzi più accessibili. Baum und Pferdgarten viene costituito invece nel 1999 e la forza dei fondatori è quella di giocare molto sui contrasti, così da ottenere abiti stravaganti venduti anche a Londra, Parigi, Tokyo e New York oltre che a Copenaghen stessa, da cui tutto ha avuto inizio.

Siete persone curiose che vogliono sempre sperimentare qualcosa di nuovo e provate un fascino irresistibile per i designer emergenti? Allora non potete non passare per i quartieri di Østerbro e Vesterbro, dove rimarrete colpite dalle tante boutique originali e creative come del resto potrete trovarne di questo genere in tutta la Danimarca. E se avete un animo hipster o semplicemente è la vostra tendenza del momento, nella strada di Jægersborggade rimarrete più che soddisfatti.

E per il design? "Se è bello e funziona, probabilmente è danese".

Paese leader nel campo, dagli anni '50 si è affermato soprattutto per le linee morbide, innovative e funzionali degli oggetti ad opera di grandi architetti tra cui Hans Wegner o Børge Mogensen. Oggi la tradizione e la sperimentazione continuano, non solo per gli arredi per i quali ricordiamo tra tutti Normann Copenaghen, che realizza mobili di alto artigianato; ci sono utensili innovativi e minimal style come ad esempio quelli firmati Stelton, o anche i giocattoli Lego, compagni di gioco dei bambini di tutto il mondo. Pertanto Morten Grøn, direttore di Design Denmark, ha annunciato che per il maggio 2017 sarebbe prevista l'istituzione di una settimana della moda del design, dove potranno essere ammirate al meglio le creazioni dalle linee pulite e minimaliste.

Questo piccolo stato non finisce mai di stupirci, infatti specialmente Copenaghen è considerata la regina indiscussa della gastronomia. Vanta ristoranti stellati come il Noma e Geranium, locali esclusivi dove i migliori chef cucineranno per voi. Ma la città è divenuta famosa anche per lo streetfood, la cui area è stata inaugurata nel 2014 nella zona di Papirøen, sul porto di Copenaghen. Oltre alla cucina danese, si ha la possibilità di assaporare quella giapponese, cubana ed italiana e questa risulta essere la giusta alternativa per chi vuol mangiare bene senza troppo impegno. A quel punto, se per pranzo vi trovate fuori casa, conviene che  proviate  il famoso panino aperto Smørrebrød, letteralmente "pane e burro" che può essere farcito in qualsiasi modo si voglia.

Quello che è certo è che in Danimarca non rimarrete mai a digiuno né di cibo, né di moda, né di design!

Livia Maulucci

SUGGESTED ARTICLES

Anya Hindmarch: storia di una designer sui generis

Anya Hindmarch: storia di una designer sui generis

Quando la personalità forte di una donna raggiunge il design, il risultato non può che essere l'espressione dell'anima dell'autrice stessa. Da stilista presente nei più famosi magazine di moda, alle operazioni sociali a scopo benefico, il tutto sempre con arguzia e ironia che emergono poi dalle creazioni del marchio; vediamo cosa ha segnato il suo percorso.

Read more

Il vero Made in France: la pelletteria

Il vero Made in France: la pelletteria "à la parisienne"

La storia, le tradizioni, i modelli di punta, le tecniche di lavorazione, l'artigianalità e le curiosità sui brand di nicchia della pelletteria "100% francese", che negli anni è riuscita ad affermarsi  nel mercato nazionale, europeo e mondiale con un ruolo di primaria importanza.

Read more

Sophie Hulme: a very

Sophie Hulme: a very "unconventional" talent

Dal perfetto stile inglese, il brand Sophie Hulme, che prende il nome dall'omonima designer, ha ottenuto in pochi anni un così grande successo da raggiungere vendite stellari nei più importanti store del mondo, permettendo in questo modo, alla stessa stilista, di espandere la sua linea, prima circoscritta alle borse e oggi integrata con capi di abbigliamento e tanti accessori.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.