• People

Hidetoshi Nakata, trendsetter oltre il pallone

Fra gli influencers più noti del mondo della moda nessuno si aspetta di trovare un ex calciatore interessato a viaggi, cultura, cibo e moda, senza dubbio una sorprendente e piacevole scoperta a 360 gradi.

Un luogo comune è quello che afferma che i calciatori non abbiano alcuna istruzione né conoscenza di argomenti che si distanziano dal mondo sportivo. Molti sono stati gli esempi che hanno smentito ciò, ma si è sempre trattato di sportivi che si sono intervallati fra il mondo calcistico e le loro passioni personali.

Diversa è la storia di Hidetoshi Nakata, la prima vera stella del calcio nipponico, che fino ai suoi 29 anni ha portato il suo talento in Europa e in Sud America. Per quattro anni è stato candidato al Pallone d'Oro, il massimo riconoscimento a cui un giocatore può ambire e la sua esperienza calcistica lo ha portato in Italia, dove ha condotto la Roma alla vittoria dello scudetto, per poi passare ad altre squadre come il Parma, il Bologna o la Fiorentina. Numerose sono state le sue apparizioni anche all'interno della Premier League, il campionato inglese. Tutti questi successi sono stati raggiunti da Nakata prima del traguardo dei trent'anni, quando abbandona definitivamente la sua carriera calcistica.

Da questo momento la vita del giovane si trasforma, le partite diventano viaggi e i suoi interessi principali si spostano dal mondo dello sport a quello della filantropia, della moda e della cultura. La parola d'ordine del suo 2008 è viaggio. Hidetoshi infatti si tramuta in un backpacker, e con lo zaino sulle spalle visita l'Asia, fra Cambogia, Vietnam e Indonesia, e il Medio Oriente, dove si spinge dalla Giordania fino a zone in Iraq con alta concentrazione di rifugiati politici. Subito dopo è la volta dell'Africa, e ad oggi l'ex calciatore può vantarsi di aver visitato oltre 100 paesi. In un'intervista inoltre afferma che il viaggio ha il potere di annullare i pregiudizi e di conoscere profondamente se stessi. Durante l'esplorazione del Giappone, suo paese natale, si accosta alla cultura nipponica, inserendo all'interno del suo sito la sezione ReValue Nippon, e cerca di mantenere viva la tradizione del sakè, bevanda tipica dell'Impero del Sol Levante, dando vita ad un suo marchio di sakè, chiamato N in onore della prima lettera del proprio cognome, e creando un'applicazione in grado di dare informazioni su diverse tipologie della bevanda in varie lingue.

Distanziandosi dal mondo dello sport, tuttavia, Nakata non si allontana del tutto dal mondo delle celebrità. Molti brand lo reclamano come volto delle loro campagne, fra cui Calvin Klein nel 2010, Nike e Canon. Numerose inoltre sono le riviste che gli hanno dedicato copertine e servizi, fra le quali GQ JapanVogueLampoon o DA MAN Magazine.

Nel 2011 diventa editor per il magazine Monocle, invitato dal suo amico Tyler Brule, ed è quasi sempre presente alle sfilate di importanti marchi come Dior, Louis Vuitton o Valentino. Durante un'intervista afferma che la moda è come il cibo, e che amando il buon cibo senza dubbio non può che amare ciò che di buono c'è nella moda, perché entrambe le cose lo rendono felice. Molto spesso è stato considerato un'icona di stile e un trendsetter, e il suo punto di forza è rintracciabile nell'ecletticità dei suoi abbinamenti, che variano dal casual, all'elegante, senza mai peccare o esagerare scadendo nel volgare.

Vista l'ecletticità di questo influencer, risulta normale aspettarsi da lui qualcosa di innovativo. E anche se non necessariamente su un campo di calcio, è una leggenda, e come tale non può che tornare a mettersi in gioco.

Giulia Porceddu

SUGGESTED ARTICLES

Fashion Week...end

Fashion Week...end

Partendo da Milano, passando per Parigi, fino ad arrivare a New York, per poi atterrare a Londra.

LICHT vi svela tutti, e dico tutti, i must ed i trend di stagione dalle catwalk delle FW che presto potremmo avere nei nostri armadi.

Read more

Altaroma luglio 2016, i dubbi della couture e l'importanza dei nuovi talenti

Altaroma luglio 2016, i dubbi della couture e l'importanza dei nuovi talenti

La 29ª edizione della manifestazione capitolina ha visto alternarsi le proposte haute couture e prêt-à-porter di marchi italiani ed internazionali. L'alta moda sembra attraversare una fase di transizione, contrariamente ai giovani designer che lasciano il segno grazie al connubio di creatività e abilità sartoriale.

Read more

Bionda Castana

Bionda Castana

Un nome che richiama ironicamente le due fondatrici e creative, emblematico dello stile e della filosofia alla base di tutto. La griffe Bionda Castana è pronta a conquistare le shoe-addicts più esigenti.

Read more

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito accetti il servizio e gli stessi cookie.